20160822110654-vigili_del_fuoco

Un anno di incendi: numeri, cause e località

Fine anno, tempo di statistiche. Anche in casa Vigili del Fuoco. In attesa del nuovo Documento statistico 2016 dei VVFF, analizziamo i dati relativi ai sinistri causati da scoppi ed incendi domestici per l’anno 2015 ed aggiornati fino a marzo 2016. Il primo dato a balzare all’occhio è che ben il 32 per cento degli interventi complessivamente svolti dai vigili del Fuoco siano stati per incendi ed esplosioni (29 per cento) e fughe di gas (3 per cento). Sono stati, infatti ben

234.675 gli incendi e le esplosioni,

23.011 le fughe di gas.

Tra gli altri interventi, i più numericamente significativi hanno riguardato l’apertura di porte e finestre, 135.886, il soccorso alle persone, 66.964, gli incidenti stradali, 37.224 e gli interventi causati da alluvioni o acqua in generale, 36.270. Rispetto al 2014, è stato inoltre registrato nel 2015 un considerevole aumento delle chiamate ai Vigili del Fuoco inerentemente ad incendi, esplosioni e fughe di gas:

+ 21,6 per cento di incendi ed esplosioni,

+ 7,3 per cento di fughe di gas.

TIPOLOGIE DI STRUTTURE INTERESSATE DA INCENDI ED ESPLOSIONI NEL 2015

Di seguito la Top ten delle strutture che sono state soggette ad incendi ed esplosioni nel 2015 e fino a marzo 2016: al primo posto, piazze e strade, con un 24,2 per cento degli interventi, seguite da abitazioni ed appartamenti con il 12,3 e dai campi coltivati con l’11,7 per cento. Al quarto posto le strade extraurbane con il 9,5 per cento, al quinto le zone rurali con il 5,2 per cento. Completano la ‘classifica’ gli edifici in genere, 3,9 per cento, i boschi, 2,2 per cento, i cortili, 1,6 per cento, le zone di montagna, 1 per cento, e giardini e fabbricati agricoli con lo 0,7 per cento.

PRINCIPALI CAUSE DI INNESCO DI INCENDIO

Di seguito le principali cause di innesco di incendi avvenuti nell’anno 2015 e fino al marzo 2016, complete del numero degli interventi effettuati e della percentuale di incidenza delle stesse sulla totalità degli incendi e scoppi.

Autocombustione 1.391 0,6%

Camino e/o canna fumaria 11.153 4,8%

Cause elettriche 12.139 5,2%

Elettrodomestici 460 0,2%

Faville generate dallo sfregamento di parti meccaniche 2.530 1,1%

Fulmine 403 0,2%

Fuochi dʹartificio e giochi pirotecnici 253 0,1%

Guasti ad impianti di produzione di calore in genere 410 0,2%

Mozzicone di sigaretta e fiammiferi 5.134 2,2%

Non corretta o mancata adozione di misure precauzionali, di esercizio e di sicurezza 520 0,2%

Surriscaldamento di motori e macchine varie 1.446 0,6%

1 501