botti_capodanno_2016

ATTENTO A BOTTI E FUOCHI D’ARTIFICIO: NON SONO UNO SCHERZO!

Da Brendolan Emergency alcune importanti informazioni ed alcuni utili suggerimenti su come evitare incidenti causati da fuochi d’artificio e botti.

Sono stati 660 gli interventi che hanno visto i Vigili del Fuoco impegnati a domane incendi nella notte tra il 31 dicembre 2015 ed il primo gennaio 2016, con un totale di 190 feriti, tutti causati da botti ed artifici pirotecnici dalla più disparata provenienza. Un dato in calo, ma pur sempre preoccupante, soprattutto ora che ci si sta avvicinando ad un nuovo Capodanno. Si stima, infatti, che in grandi città come Roma, Milano, Palermo, Napoli o Torino la frequenza media sia di un intervento ogni minuto solo nella prima mezzora del nuovo anno.

I BOTTI ED I FUOCHI D’ARTIFICIO: COSA SONO?

All’interno degli artifici pirotecnici si trovano normalmente tre componenti, il combustibile a base di carbone, il comburente a base di materiali che contengono ossigeno e gli additivanti necessari per gli effetti pirotecnici, solitamente metalli: questi tre, una volta innescati, reagiscono fra di loro e con l’ossigeno dell’aria, generando una combustione più o meno veloce, i cui effetti, oltre a quelli tradizionali del calore, della fiamma luminosa e del fumo, possono essere la generazione di un onda d’urto chiamata “botto”, nonché la colorazione delle fiamma e dei fumi.

Di conseguenza è chiaro come fra un fuoco ed un’esplosione non ci sia molta differenza se non nella velocità con cui avviene il fenomeno: il fuoco d’artificio non è nient’altro che una combustione più veloce, ma sempre un fuoco, come ricorda il nome.

I BOTTI ED I FUOCHI D’ARTIFICIO SONO PERICOLOSI?

La risposta è ASSOLUTAMENTE SI’!!!

Secondo il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, “L’uso sbadato e spesso inconsapevole dei fuochi d’artificio provoca decine di princìpi d’incendio lungo le vie della città; la strada, terra di nessuno per decine di minuti, subisce una pioggia di fuoco che innesca incendi di bidoni dell’immondizia, di auto, di teli, di verande di ristoranti, di sterpaglie o foglie secche, e anche cespugli. Ma non è solo la strada a subire l’attacco del fuoco: gli effetti dei fuochi d’artificio si palesano anche sui balconi e sulle tende dei vicini di casa, spesso inconsapevoli del pericolo“.

“Ultimo, ma spesso più grave rischio, è l’utilizzo dell’artificio pirotecnico in casa o l’accidentale rientro dell’effetto pirotecnico nell’abitazione dove si stia festeggiando, con un conseguente innesco di un principio d’incendio di tende, arredi, addobbi natalizi e un successivo incendio dell’appartamento che, oltre a distruggere tutto, potrebbe arrecare danni alle persone che sono all’interno, fino a provocarne addirittura la morte”.

BOTTI E FUOCHI D’ARTIFICIO: IL DECALOGO PER LA SICUREZZA

  1. Usare sempre e solo prodotti legali: l’etichetta deve riportare il numero del Decreto ministeriale che ne autorizza il commercio, il nome del prodotto, la ditta produttrice, la categoria e le regole d’uso che devono essere seguite attentamente.
  2. Acquistare gli artifici pirotecnici esclusivamente nei negozi autorizzati e mai sulle bancarelle che non abbiano esposta la licenza specifica per trattare questo genere di prodotti.
  3. Accenderli all’aperto e allontanarsi quando la miccia è accesa.
  4. Tenerli lontani dal proprio corpo.
  5. Accendere un fuoco alla volta ed evitare che al momento dell’accensione ci siano altri fuochi vicini.
  6. Non indossare mai al momento dell’accensione giacconi o maglioni di pile o fibra sintetica, e nemmeno indumenti acetati come tute sportive.
  7. Non raccogliere botti abbandonati.
  8. Non farli accendere dai bambini.
  9. Evitare di acquistare quelli troppo sofisticati, è meglio lasciarli ai fuochisti esperti.
  10. Se un botto non è esploso, non avvicinarsi troppo, non prenderlo con le mani e immergerlo in un secchio d’acqua.

1 965